Crea sito
Fruttiere e portafrutta Fai da Te: 5 Idee dal Riciclo Creativo

Fruttiere e portafrutta Fai da Te: 5 Idee dal Riciclo Creativo

La creatività non ha davvero confine. Nel seguente post vi presenteremo delle idee originalissime e riciclose per creare dei fantastici portafrutta ecologici e fai da te.

I materiali che si possono utilizzare per creare una fruttiera o un portafrutta fai da te sono davvero i più svariati.

Avete un oblò di una vecchia lavatrice?

Bene, lo potete riutilizzare capovolgendolo e inserendo la frutta in bella vista, oppure anche per le vostre insalatone o come centro tavola.

Avete delle bottiglie o dei bottiglioni di plastica?

Fantastico! Tagliandoli in maniera creativa otterrete dei portafrutta funzionali, leggeri e anche belli da vedere. Tagliate il fondo e la parte superiore delle bottiglie di plastica. Attaccate con della colla a caldo la parte inferire con la parte superiore capovolta.



Scolapasta vecchi da buttare?

Non fatelo, potreste riutilizzarlo come centrotavola o porta frutta. Più antico sarà più darà quel tocco di retrò, che adesso va molto di modo, alla vostra tavola.

Grucce che intasano i vostri armadi?

Non buttatele riutilizzate per farne un utilizzo diverso e creativo. Prendete una base plastificata a forma di rettangolo o qualsiasi altro materiale che faccia da sostegno e attaccate con della colla al caldo delle grucce capovolte con la parte superiore tolta. Attenzione scegliete grucce uguali o perlomeno molto simili tra loro. L’effetto sarà originalissimo e dallo stile molto moderno e stilizzato.

Vecchi dischi in vinile?

In questo caso ci vuole un po’ più di maestria, ma il risultato che si ottiene è davvero bello. Bisogna creare degli affossamenti in due dischi in vinile di diverso diametro. Inserire in alto il disco con il diametro maggiore con l’affossamento verso il basso e appoggiarlo, incollandolo, ad un disco con il diametro minore con l’affossamento verso l’alto. Scegliete dei vecchi dischi danneggiati, che non si riescono più ad ascoltare, sarebbe un peccato perdere della vecchia musica.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.